mercoledì 15 novembre 2017

PAN - Pastorizia, Arte, Storia e Natura.

Sabato 9 e domenica 10 dicembre 2017 alle Casematte e annesso parco di Pizzighettone (CR) si terrà la manifestazione  PAN - Pastorizia, Arte, Storia e Natura.




Ancora oggi i pastori scendono dalle montagne bergamasche e bresciane e svernano nel Cremonese, ma un tempo questa presenza era ben più massiccia. Quella del pastore, nonostante i progressi tecnologici, è una vita dura che però sta conoscendo nuovo impulso, infatti il continuo calo del numero di ovicaprini si è fermato ed è in controtendenza. Secondo le stime della Commissione europea il numero delle pecore allevate in Italia nel 2016 è giunto a 7,2 milioni di capi, quasi 200.000 in più rispetto a cinque anni fa. Un'altra sorpresa è che, secondo la Coldiretti, a livello nazionale è pure aumentato il numero dei pastori, soprattutto grazie a oltre 2.000 giovani che continuano l'attività dei genitori o che l'hanno intrapresa spinti dalla voglia di trovare un'occupazione alternativa e a contatto con la natura. Questi risultati sono resi possibili anche dal boom della domanda italiana ed estera di latte e formaggi di capra. Il mondo della pastorizia a livello internazionale ha importanza millenaria, non solo economicamente ma anche – fra le altre cose – storicamente ed è legato a moltissimi aspetti della società, che la manifestazione di Pizzighettone tenterà di rappresentare almeno in parte.

Vi aspettiamo sabato 9 e domenica 10 dicembre 2017 alle Casematte e annesso parco di Pizzighettone (CR), dove dalle 10 alle 19 si terrà la manifestazione PAN - Pastorizia, Arte, Storia e Natura (6.000 m² nelle Casematte e 50.000 m² a prato del fossato) con mostre sulla pastorizia nel mondo, mostre e conferenza sui predatori, pastori con bestiame, mostra mercato di prodotti alimentari (e non solo) della pastorizia, cani da pastore del mondo, dimostrazioni di lavoro di cani su bestiame.

Regione Lombardia ed ERSAF parteciperanno alla manifestazione con uno spazio espositivo dedicato alla difesa attiva del pascolo in cui verrà portata l'esperienza di supporto fornito agli allevatori lombardi nell'ambito del progetto LIFE WolfAlps, che ha come oggetto la gestione del ritorno naturale del lupo sulle Alpi e la riduzione dei conflitti con le attività umane che ne derivano.

La prima parte delle Casematte ospiterà il settore Divulgativo-Artistico, con una mostra sulla pastorizia nel Cinema (chi non ricorda il pastore Serafino nell'omonimo film e interpretato da Adriano Celentano?), una mostra di quadri a tema e un'altra di disegni con opere realizzate dagli alunni cremonesi di ogni ordine e grado.

Il nome della manifestazione PAN si rifà al mitologico dio greco Pan (Fauno nella mitologia romana), mezzo uomo e mezzo caprone e protettore dei pastori, campagne, selve e pascoli. E certo di protezione i pastori e il bestiame ne avevano e ne hanno certo bisogno, anche a causa del notevole aumento dei predatori selvatici come il lupo e l'orso. A PAN questa realtà sarà affrontata  con una Mostra sulle tecniche antipredazione – in particolare dal lupo e orso – allestita dall'Associazione Canislupus Italia onlus, i cui esperti saranno a disposizione per spiegare al pubblico la tematica e ovviamente tutto ciò che concerne i predatori selvatici, il cui ruolo in natura è tuttavia  fondamentale.